PRATICA: Come impostare gli strumenti del tuo sistema di guadagno automatico

In questa sezione ti mostrerò tutto quello che devi fare per dar vita al tuo primo funnel dal punto di vista pratico.

Ricorda che i funnel non sono una strategia, ma un insieme di strumenti con 2 obbiettivi:

  • Automatizzare il processo di vendita
  • Ottimizzare il profitto

Sono strumenti tecnologici, “funzionano”. Fanno quello che devono fare…

…Ma non sono sufficienti per avere successo. Ricorda:

Se un’offerta funziona se mostrata a 100 persone,
funzionerà anche se mostrata a 100.000

I funnel si basano su questo semplice concetto.

Se l’offerta funziona, potrai usare i funnel per automatizzare il tutto e scalare i profitti.

I 3 Strumenti (e i 2 Software)

Sono 3 gli strumenti necessari per creare un funnel automatico.

Forse hai già visto funnel più complessi, funnel che utilizzano tripwire, bot, quiz, order bump, upsell, downsell ecc.

…e nel caso, ti chiedo di dimenticartene per ora.

Il motivo è semplice: un’offerta che funziona, funziona indipendentemente dallo strumento. Certo, lo strumento può migliorarne le performance… ma è inutile parlare di ottimizzazione se la tua offerta ancora non funziona.

Puoi proporre un prodotto in affiliazione, un infoprodotto, un prodotto fisico, un servizio… e lo puoi fare utilizzando centinaia di strumenti diversi. Ma la triste verità è che se un’offerta NON funziona, nessuno strumento risolverà la tua situazione.

Non abbatterti però! La soluzione è semplicissima:

Smetti di fare il Riccardo e datti da fare per far funzionare la tua offerta!

Ok, spero di averti preparato a dovere. Ecco i 3 strumenti alla base di ogni tipologia di funnel:

  • Squeeze Page
  • Email
  • Sales Page

Ora scenderemo molto nel dettaglio. Ti mostrerò quali sono le caratteristiche di questi strumenti e quali sono i software da utilizzare per sfruttarli.

Ma prima eccoti il quadro generale:

A prima vista può sembrare complicato, ma non lo è.

A livello “tecnico/pratico” (quello che forse ti fa più paura…) io posso impostare tutta sta roba in mezz’ora. Se tu non hai mai utilizzato i software, forse ci metterai una o due ore, ok, ma a meno che tu non sia peggio di Riccardo riuscirai tranquillamente nell’impresa…

…anche perché sto per spiegarti TUTTO! (Un passo alla volta).

NOTA PRIMA DI PROSEGUIRE:

Per mettere in piedi un sistema come questo serve un investimento.

L’investimento può essere anche minimo: come scoprirai a brevissimo basta acquistare hosting e dominio (70€ all’anno) più un software per l’email marketing (9$ al mese)

Quello che devi metterti in testa è che questo investimento è necessario. Non puoi avere un Business online senza una pagina web. Non puoi proporre un’offerta in modo efficace senza acquisire dei lead.

Gli strumenti non sono sufficienti per avere successo, ma sono necessari.

L’investimento sarà sempre minimo se paragonato ai risultati che puoi ottenere dando vita ad un tuo business online.

1. La Squeeze Page

Iniziamo con il dire che sia la Squeeze Page che la Sales Page sono pagine web e possono essere create entrambe con lo stesso “software”.

Perché lo stesso software? Perché a livello “tecnico” cambia poco tra le 2: sono entrambe delle semplici pagine web.

La differenza sta nell’obbiettivo.

La maggior parte dei marketer spesso confondono il termine “Landing Page” con il termine “Squeeze Page”.

C’è differenza:

  • Landing Page è il nome generale dato alle pagine “di marketing”. Una Landing Page, detto in parole povere, è una pagina che punta ad un unico obbiettivo. 

Per capire cosa intendo, pensa ad un sito Web. Di solito quando accedi ad un sito puoi fare molte cose… hai un menu che ti permette di visitare diverse pagine.

 Nelle landing page non funziona così! Tutta la pagina è creata per guidare i visitatori verso il compimento di un’azione specifica.
  • La Squeeze Page è una Landing Page che ha come obbiettivo la raccolta del contatto (email)
  • La Sales Pages è una landing page che ha come obbiettivo vendere un prodotto / servizio

Ok, chiarita la prima ed essenziale differenza, parliamo di Squeeze Page.

La Squeeze Page è una pagina che propone al visitatore un piccolo regalo (gratuito) in cambio dell’indirizzo email.

Questo regalo è chiamato “Lead Magnet”. Può essere un mini-eBook PDF, un video, una mappa mentale…

…l’importante è che il regalo tratti di un argomento collegato a quella che sarà la tua offerta.

Qualche esempio:

  • La tua offerta è un servizio da Personal Trainer? Il tuo lead magnet può essere un breve video sui migliori esercizi per gli addominali
  • Stai proponendo l’affiliazione a Trivago (sito che paragona gli hotel)? Il tuo lead magnet può essere un PDF sui 7 luoghi più belli da visitare in primavera
  • Vuoi vendere un tuo video-corso da sommelier? Il tuo lead magnet sarà una mini guida: “Come capire in 3 gesti il retrogusto del vino”

Come puoi notare dallo schema generale, quando un visitatore inserisce la sua email, questa viene inviata al software di email marketing.

Da quel momento potrai inviare dei messaggi a quell’indirizzo email, ma di questo ne parleremo dopo.

La Squeeze Page in pratica è la pagina web che:

  • Lato visitatore: da l’accesso al lead magnet
  • Lato imprenditore: permette al tuo software per email marketing di ottenere indirizzi email

Ok?

Ora vedremo come creare la SP a livello pratico.

CREAZIONE PRATICA

Per creare una Squeeze Page hai 3 diverse possibilità:

1 - Inserire un box di optin all’interno del tuo sito / blog

(Se ancora non sai come creare un sito, dai un’occhiata a questo mio articolo “per negati”).

Che cos’è un box per l’optin? Questa roba qua:

In pratica è il mezzo che effettua concretamente la raccolta delle email. Il software di email marketing (di cui parleremo a breve) ti consentirà di impostarne uno personalizzato, e poi di inserirlo nella pagina web del tuo sito.


2 - Usare un plugin per WordPress

Come consiglio sul mio blog, per creare un blog / sito web la soluzione migliore è WordPress, per il semplice fatto che mette a disposizione dei plugin per fare tutto… compresa la raccolta di email.

Il plugin migliore in assoluto è Optimizepress, per il semplice fatto che consente di creare sia l’intera Squeeze Page che la Sales page (che altre belle cose) con una semplice interfaccia “drag&drop”… e che ha già delle pagine pre impostate che puoi personalizzare a piacimento:

Molte semplice da usare e relativamente poco costoso (97$ - pagamento una tantum).


3 - Usare piattaforme apposite per la lead generation

Lead generation è il nome “tecnico” per rappresentare il processo di raccolta di email.

Devi sapere che questo processo è utile in qualsiasi mercato, per vendere qualsiasi prodotto o servizio, e che quindi sono nati dei software che anche senza possedere un tuo sito web permettono di raggiungere l’obbiettivo.

Mi spiego…

WordPress ti permette di creare un tuo sito web al 100%, e ti permette di farci quello che vuoi (inserire una sezione blog, video, usare dei plugin per vendere, per ricevere contatti ecc.).

…ma a volte alcune persone vogliono fare lead generation in modo più rapido, senza un intero sito / blog, ma con solo una Squeeze Page “secca”.

Esistono software molto potenti che ti consentono di farlo:

Sono delle piattaforme: avrai una tua area cliente e potrai creare tutte le pagine che vorrai, scegliendo tra i numerosi template (da modificare) o creandole da zero con il “drag&drop” (senza conoscere i linguaggi di programmazione).

Eccoti alcuni esempi di template preimpostati:

Queste piattaforme consentono di fare TUTTO... e con ancora più semplicità e velocità (dalla lead generation al sistema di pagamento) e per questo motivo hanno un prezzo più alto rispetto alle soluzioni di cui ti ho parlato in precedenza.

Bene, ora hai capito che serve un’unico software per creare tutte le pagine del tuo funnel, e che la Squeeze Page è la pagina che serve a raccogliere gli indirizzi email. Ora imparerai a sfruttare questi contatti.

2. Le Email

Guarda di nuovo il quadro generale.

Le email sono il secondo strumento del nostro mini-funnel e servono per stringere una relazione con i visitatori prima di proporre l’acquisto della tua offerta.

Perché creare una relazione? Cosa significa?

Eccoti il classico esempio:

Immagina la scena: c’è una donna che ti interessa, e hai la possibilità di parlarle (hai la sua attenzione).

Siete uno davanti all’altra, devi giocarti bene le tue carte.

Ora dimmi…

…secondo te sarebbe saggio dirle come primissima cosa: “mi vuoi sposare?”…?

Proporre immediatamente l’offerta senza usare Squeeze Page ed email marketing è più o meno la stessa cosa!

Invece usando questo funnel…

  • La Squeeze Page è il primo appuntamento
  • Il lead magnet è il mazzo di fiori
  • Le email sono gli appuntamenti successivi: puoi farti conoscere meglio e farla pian piano innamorare…
  • La Sales Page, con l’offerta a pagamento, sarà la proposta di matrimonio

Tutto questo funnel serve esclusivamente a questo, a “preparare” una sconosciuta (visitatore) ad un’offerta impegnativa (acquisto).

Spero di aver reso l’idea 😀

Torniamo alla pratica.

Il secondo (e ultimo) software di cui hai bisogno è un software per l’email marketing.

Con questo software non avrai solo la capacità di immagazzinare gli indirizzi email di chi fa opt-in nella tua Squeeze Page…

…ma anche la possibilità di impostare una serie di email automatiche da inviare a chi si iscrive alla tua lista.

Queste email saranno gli “appuntamenti” successivi prima della proposta:

  • Potrai inviare altri contenuti utili (articoli, video, PDF ecc.)
  • Potrai racontare la tua storia
  • Potrai far percepire il motivo per cui le persone dovrebbero darti retta

Tutto questo genera fiducia, ti presenta come una soluzione al problema che hanno espresso nel momento in cui hanno deciso di scaricare il tuo lead magnet.

Precisazione: il ruolo del Lead Magnet

Abbiamo detto che il Lead Magnet è un “mini-qualcosa” che ha a che fare direttamente con tua offerta. Il suo ruolo va oltre quello del “magnete per attrarre dei lead”: è un mezzo per definire chi sarà probabilmente interessato alla tua offerta a pagamento.

Ricordi gli esempi? Se il visitatore è interessato a scaricare “il video sugli addominali” potrebbe essere interessato anche al tuo servizio da Personal Trainer.

Lo puoi fare per prodotti fisici, infoprodotti, servizi, prodotti in affiliazione. La fiducia è necessaria per qualsiasi transazione commerciale. Fa la differenza.

Una volta ottenuta la fiducia, sempre tramite le email (impostate in automatico) avrai la possibilità di proporre il tuo prodotto.

Come fare?

  • Le prime email contengono contenuti utili + storia (fiducia)
  • Le email successive contengono il link verso la tua Sales Page (la pagina dove proponi l’offerta)

In pratica…

…dopo aver acquisito il contatto e aver creato la relazione, avrai tutta una serie di tentativi (email) per portare il visitatore sulla tua Sales Page. Le stesse email potranno contenere informazioni promozionali (testimonianze, benefici dell’offerta, sconti ecc.).

Ma come si gestisce l’email marketing?

PRATICA: CREARE UNA SERIE DI EMAIL

Esistono diversi software per l’email marketing. Io mi sono innamorato di uno in particolare, e quindi mostrerò il processo attraverso questo software (tu potrai scegliere quello che preferisci e applicare comunque i concetti che stai per imparare).

Il nome del software che ho scelto io? Activecampaign.

Il migliore! Ha un prezzo sotto la media (da 9$ al mese) e tutte le migliori caratteristiche presenti attualmente sul mercato (in più da questo link puoi provarlo gratis per 14 giorni).

Ecco quello che dovrai fare per utilizzare il software all’interno del tuo funnel:

FASE 1: Devi impostare una lista per raccogliere gli indirizzi email


FASE 2: A questo punto devi collegare il software di email marketing con la Squeeze Page.

Hai 2 possibilità:

CASO 1 -  Se stai utilizzando una normalissima pagina web, devi impostare un modulo (ricordi? Il box per raccogliere le email)

Ecco come crearlo:



A questo punto dovrai solo seguire le istruzioni per scaricare il plugin di WordPress che permette di inserirlo nel tuo sito, ovunque tu voglia, in pochi click.

CASO 2 - Se invece stai usando una delle piattaforme (Clickfunnel / Leadpages) i moduli saranno già inclusi: dovrai solo integrare la piattaforma con Activecampaign.

Bastano pochi click:

In questo modo la piattaforma per la creazione delle pagine e Activecampaign comunicheranno in automatico: quando qualcuno inserirà l’email nella piattaforma, questa “comunicherà” con Activecampaign, e AC inserirà il contatto nella lista selezionata.

FASE 3: Devi impostare una serie di email automatiche da inviare a chi si iscrive alla lista. In Activecampaign le serie vengono chiamate “automazioni”.

Potrai iniziare da zero (pagina bianca) o selezionare una delle automazioni già presenti in AC:

Seleziona come “START” dell’automazione l’inserimento nella lista (in pratica stai dicendo ad AC di far partire l’automazione quando qualcuno entra nella lista).

A questo punto ti basta cliccare sul “+”:

E iniziare a creare le tue email…

…scegliendo un template o creandole da zero.

Tra un’email e l’altra dovrai inserire uno o più giorni di pausa.


Insomma… ti basterà creare un certo numero di email (in base alla tua strategia), e separarle da un giorno di pausa.

Le prime email servono per creare la relazione.

La ultime email devono promuovere la tua offerta commerciale, e devono contenere dei link per portare il visitatore sulla pagina di vendita (di cui parleremo tra pochissimo).

SONO TROPPO BUONO.

Ho creato per te questa automazione in Activecampaign... e puoi importarla direttamente sul tuo account!

Quelle in rosso sono delle note che ho inserito (con alcuni consigli). Potrai leggerle con un click, modificarle, e anche aggiungere le tue eventuali note.

Per importare l'automazione basta andare sul pannello “automazioni” del tuo account, selezionare “nuova automazione”, e poi “import automation” (se ancora non hai attivato il tuo account gratuito lo puoi fare da questo link).

A questo punto ti basta inserire questo link: http://tplshare.com/NHSwuJG 

Dopo aver inserito il link dovrai inserire i tuoi dettagli (nome mittente ed email mittente, tuoi o della tua azienda):

Devi scegliere lo “START” all’automazione, ovvero il trigger, la "cosa" che fa partire l'automazione. In questo caso dovrai selezionare "iscrizione a lista" (lista che devi aver già creato, come mostrato nel box rossiccio poco fa).

E poi inizia a personalizzare le email! Basta cliccare sulle singole email (modifica) e seguire le istruzioni che troverai già all’interno delle email! Ti basterà inserire testo, immagini o quello che ti pare.

Software per le email impostato.

A livello pratico basta un quarto d’ora per impostare tutto il software di email marketing.

Ciò che fa la differenza tra successo e fallimento è il contenuto delle tue email, contenuto che deve seguire una strategia precisa .

Non dimenticare mai quello che ho precisato all’inizio di questa articolo: questi sono solo degli strumenti, non sono una strategia.

Quello che ti sto mostrando è il metodo CORRETTO per utilizzare gli strumenti, ma alla base del loro utilizzo devi avere un’offerta che funziona.

Molti marketer vendono dei corsi che dicono esattamente quello che ti sto spiegando in questa pagina, spacciandolo per la strategia vincente.

Ma questo è solo il mezzo...!

Un mezzo intelligente. Funziona bene. Ma che che proprio come una moto non serve a niente se manca il pilota.

Questa è la moto.

La strategia è l’abilità del pilota.

Chiarito questo continuiamo… e parliamo del terzo e ultimo strumento per dar vita a un sistema automatizzato, la Sales Page.

3. La Sales Page

Eccoci al terzo ed ultimo strumento…

  • Hai acquisito gli indirizzi email
  • Hai impostato la tua serie di email

A questo punto dovrai preparare la tua Sales page, una pagina in grado di persuadere (o influenzare) i tuoi lead ad acquistare la tua offerta.

La Sales page si crea nello stesso identico modo con cui si crea la Squeeze Page: si tratta di una pagina web più “corposa” di una Squeeze page (con più contenuti), ma che a livello pratico è ancora più semplice da creare:

  • La Squeeze Page è una pagina web + modulo per ottenere le email
  • La Sales Page è una pagina web + link al carrello

Oh yes. La Sales Page è una normalissima pagina web con un link verso il carrello.

Il carrello è lo strumento che permette il pagamento:

Tutti i carrelli  permettono di impostare una pagina di indirizzamento successiva al pagamento. In pratica, una volta effettuato il pagamento il visitatore verrà reindirizzato verso la pagina ordine completato (con le istruzioni per ricevere il prodotto / servizio e gli eventuali download / accessi all’area membri).

A livello tecnico non c’è altro da aggiungere.... ma so che da me ti aspetti sempre qualche sorpresina…

…ti ho abituato bene è?

Ok dai, diciamo qualcosina in più.

Esistono diversi “trucchetti” per creare una Sales Page persuasiva ed efficace… e ora te ne rivelerò alcuni.

STRUTTURA BASE DI UNA SALES PAGE EFFICACE

# Prima di tutto devi attirare l’attenzione del potenziale cliente con un titolo accattivante, basato sui sui problemi / bisogni /desideri.
Ricorda che serve una
profonda conoscenza del cliente per creare un titolo davvero efficace

# Parla del problema, o meglio, della mancanza che avverte il tuo cliente ideale

# TENICA DEL “COLTELLO NELLA PIAGA”: enfatizza il problema / mancanza, evidenziando gli scenari negativi che ne derivano

# Parla della soluzione generale alla mancanza (che si rispecchierà poi ne tuo prodotto)

# CAPOVOLGIMENTO DELLA PERCEZIONE: evidenzia gli scenari desiderabili che incontrerebbe il tuo lead abbracciando questo tipo di soluzione (in questo modo aiuti il cliente ad assorbire i benefici della soluzione)

# Parla delle tua offerta nel dettaglio, e ponila come la sola soluzione al problema

# Inserisci degli eventuali prodotti /servizi bonus che riceverà se acquisterà l’offerta. Un bonus è un prodotto / servizio incluso nel prezzo (a volte i clienti acquistano solo per ottenere i bonus!)

# Se la tua offerta è un prodotto, inserisci una garanzia sulla vendita (oltre ad essere obbligatoria, la garanzia migliora decisamente il numero di vendite)

# Inserisci una call to action. La call to action è la “chiamata all’azione”, il chiaro passaggio successivo che deve effettuare il lead per acquistare l’offerta (Non devi mai dare nulla per scontato e guidare il cliente in tutte le fasi. Un esempio? Un bottone in evidenza con il link verso il tuo carrello che dice "aggiungi al carrello")

Devi creare una Sales Page solo ed esclusivamente se stai proponendo un TUO prodotto / servizio.

Perché faccio questa precisazione? Perché l’intero sistema di vendita automatizzata che abbiamo visto in questo articolo può essere utilizzato anche per proporre prodotti in affiliazione. In questo caso la Sales Page sarà quella fornita dal tuo network di affiliazione.

Vediamo un paio di esempi. Mettiamo che tu voglia promuovere un televisore su Amazon (usando per l'appunto l'affiliazione Amazon)

La Sales page sarà questa:

Esatto! Si tratta proprio della pagina di Amazon che propone il prodotto. Questa pagina è a tutti gli effetti una Squeeze Page, e da questa pagina il visitatore può accedere al carrello e completare il pagamento.

Altro esempio: Clickbank.

Clickbank è un enorme network di affiliazione, dove chiunque può registrarsi e promuovere i prodotti presenti nella piattaforma.

La cosa particolare di Clickbank è che propone esclusivamente dei prodotti digitali (eBook, video-corsi ecc.): Tieni conto che chi crea un prodotto digitale e decide di inserirlo su Clickbank, in teoria, ha qualche competenza di marketing…

…e quindi, quando promuovi un prodotto da Clickbank, di solito hai a disposizione una pagina di vendita già molto efficace:

Nell’esempio sopra c’è un video di vendita. Il formato è video (non testo), ma i principi sono identici.

Chiariamo il discorso affiliazione…

Se promuovi in affiliazione, puoi sfruttare comunque il sistema descritto in questa pagina:

  • Puoi acquisire i lead
  • Puoi creare la relazione attraverso le email

…L’unica differenza, sarà che i link all’interno delle tue mail non porteranno alla tua Sales Page, ma conterranno direttamente i tuoi link di affiliazione:

… per il semplice fatto che questi link porteranno già verso una Sales Page!

Funzionerà? Certo che funzionerà! Ricorda che con 27€ al giorno puoi guadagnare 100.000€ all’anno, a patto che tu ti renda conto che lo strumento non è la strategia.

Conclusioni... e consigli!

Sarò breve.

Se non hai mai impostato funnel, può sembrarti tutto super-complicato.

È normale! Nessuno nasce imparato. Ogni cosa nuova la prima volta è complicata…

…ma quando ti dai da fare acquisisci esperienza, ti rendi conto che quello che sembrava complicato sarà diventato il tuo pane quotidiano, la banalità.

Ti posso assicurare che se segui questa guida dall’inizio alla fine, e provi ad utilizzare i software (non per 10 minuti, ma per qualche ora) riuscirai ad impostare tutto da zero, senza precedenti competenze… e poi potrai ripetere il processo in 1/10 del tempo!

Ricorda che i software in questione non sono per “informatici”, ma per utilizzatori.

Se continui a pensare di non potercela fare, che tanto non otterrai veri risultati, e che il mondo è un posto triste e cattivo… beh… probabilmente sei ancora un Riccardo e devi prima di tutto cambiare mentalità.

Ultimissima cosa prima di salutarti…

…l’ho già detta 50 volte, ma voglio che ti sia chiara, perché poi magari, pur riuscendo impostare tutto senza problemi, non ottieni VERI E GUSTOSI risultati:

Non credere a quello che dicono alcuni Guru. Non esiste e non esisterà mai uno strumento / funnel in grado di portarti dei risultati DA SOLO.

Lo strumento è solo solo il mezzo, quello che conta davvero è la strategia.

Buon lavoro!

- Alessandro Pedrazzoli

Copyright 2018 - Alessandro Pedrazzoli: il club 🥃 - All Rights Reserved