Guarda questo video di 1 minuto. Ti preparerà a quello che ti sto per dire.

Confondere la strategia con lo strumento porta al fallimento. Non farti confondere dall'ambiente che ti circonda.

Puoi pensare che utilizzino in troppi questo strumento…
Puoi pensare che la gente non apra più le email…
Puoi credere di aver bisogno di meccanismi più complicati…

Non è colpa tua. La colpa è dell’ambiente che ti circonda.

Video, gruppi Facebook, articoli. Ogni “guru” parla di un certo strumento:

  • Le email saranno sostituite dai BOT
  • Prima di proporre un prodotto devi avere un gruppo Facebook
  • Devi iniziare da oggi a girare un video al giorno

Vedendo le cose dal loro punto di vista, può nascere la convinzione che usando gli stessi strumenti otterresti risultati simili.

Qualche tempo fa, Francesco (imprenditore emiliano) mi ha contattato per una consulenza “alla Frankenstein”…

Francesco voleva vendere online una specie di integratore alimentare, una tisana naturale in grado di velocizzare il metabolismo e quindi di velocizzare il dimagrimento.

Conosceva lo strumento di cui abbiamo parlato, e l’aveva anche già testato!

“Wow” — ho pensato all’inizio —“Questo parla la mia lingua, sarà facile collaborare”.

…e invece no!

Il povero Francesco, a furia di vedere video e tecniche online, in testa aveva una gran confusione.

Visto che con lo “strumento base” non aveva ottenuto risultati, era deciso a sbizzarrirsi con tutto quello che c’è a disposizione:

“Alessandro, dobbiamo costruire un Funnel super complesso. Dobbiamo usare la lead generation, ma anche i gruppi Facebook. Voglio impostare una serie di video, usare il retargeting su chi guarda i video e soprattutto voglio utilizzare i BOT di Facebook, magari per promuovere un tripwire per facilitare la vendita del prodotto principale”.

La mia reazione:

In pratica visto che uno “strumento base” non funzionava, voleva aggiungere altri 50 strumenti nella speranza di rivoluzionare tutto.

Monty dice di fare i video, l’altro dice che i bot sono meglio delle email perché hanno un tasso di apertura maggiore, l’altro ancora dice che non si può vendere un prodotto senza usare un tripwire...

…E allora Francesco voleva mettere tutto insieme, creare il “Frankenstein funnel” (l’errore l'orrore più grande che si possa fare nel marketing).

Se non riesci a vendere con gli “strumenti base”, aggiungere altri strumenti può solo complicare le cose.

…E la cosa si accentua se stai cercando di “imitare” quello che fanno altri. Per loro lo strumento funziona perché alla base c'è un certo tipo di strategia.

Ma se tu non riesci a vendere utilizzando un singolo strumento, come pensi che il “miscuglio” possa essere la soluzione?

So che può sembrare logico (più strumenti = meglio)

Mi rendo conto che online hai visto delle tecniche particolari usate da persone più esperte di te, ma non credere che quelle tecniche rivoluzioneranno la tua offerta.

Le tecniche possono migliorare i risultati, certo, ma li migliorano solo se la tua offerta già funziona!

La sacra verità da incidere su pietra è questa:

Non solo lo strumento NON è la soluzione… Ma peggio! Se basi la tua strategia sullo strumento va a finire che lo strumento diventa il motivo del fallimento.

Il motivo è semplice: quando inizi a seguire 50 metodi diversi, va a finire che non ti concentri più sul cliente.

Ti importano solo le tecniche, le tattiche.

Non pensi che il problema possa essere la tua offerta… ma cerchi solo uno stratagemma diverso per proporla.

Ma ecco l’approccio che ti propongo io:

Metti il cliente al centro della tua strategia.

Al centro non ci devi essere tu.
Al centro non deve esserci il tuo prodotto.
Al centro devi mettere i tuoi clienti..

Ecco cosa sbagliava Francesco, l’imprenditore che mi ha contattato per promuovere la sua tisana dimagrante…

Il target che aveva ipotizzato per il suo prodotto erano le persone di 35 - 50 anni, di entrambi i sessi.

Era convinto di conoscere i suoi clienti, e si era già fatto tutti i suoi bei film…

…Perché la gente vuole dimagrire? Per essere più belli!

Tutta la sua comunicazione era incentrata sulla “bellezza”.

E sai cos’è successo dopo che sono entrato in azione io? Sai quali fantastici NUOVI STRUMENTI ho dovuto usare?

.
.
.

Nessuno.

Mi sono semplicemente reso conto che al suo target fregava relativamente poco della bellezza, non era questo l’angolo su cui bisognava intervenire.

La verità è che il suo target voleva dimagrire per questioni di salute.

Avevano paura di colesterolo, di malattie cardiache e di altre brutte cose… altro che pancia piatta.

Ti rendi conto dell’enorme differenza di comunicazione che ci deve essere per 2 angoli così correlati… ma anche così dannatamente diversi?

Il lead magnet, la squeeze page, le email, la pagina di vendita…tutte ste robe qui si basano sull’angolo strategico che decidi di utilizzare per impostare la comunicazione.

Devi conoscere il cliente.

Non puoi parlarmi di bellezza se voglio dimagrire per questioni di salute. Forse ottieni la mia attenzione, scarico il tuo report gratuito, ma non vado oltre....

...ed inutile che provi ad usare retargeting, bot, segmentazione, offerte in scadenza e chi più ne ha più ne metta.

Il cliente deve essere al centro della tua strategia.

Non basta ottenere l’attenzione e poi provare a persuadere.

Persuadere significa mostrare agli altri il tuo punto di vista, cercando di convincerli che sia quello giusto.

Il tuo obbiettivo deve essere “influenzare”. Sono 2 cose diverse:

Quando influenzi qualcuno non cerchi di imporre il tuo modo di vedere le cose, ma di modificare il suo.

Ma per farlo, devi conoscerlo profondamente.

Il cliente deve essere al centro della tua strategia.

Io non vendo ai miei clienti, io "servo" i miei clienti.

Per capire questo approccio devi leggere 10 volte questa frase:

Chiaro perché degli strumenti non te ne fai nulla senza la profonda conoscenza del cliente?

Ottimo, perché ora finalmente puoi imparare a fare qualcosa che forse poco fa ti sembrava impossibile.

Nella prossima pagina ti insegnerò a usare questa conoscenza per “vendere senza vendere” (le cose inizieranno a farsi davvero interessanti...).

CONTINUA >>

Copyright 2018 - Alessandro Pedrazzoli: il club 🥃 - All Rights Reserved